Marianne Pousseur

Mentre studia canto classico e musica da camera presso il Conservatorio di Liegi, Marianne Pousseur ha cantato in vari gruppi musicali diretti da Philippe Herreweghe, Collegium Vocale e La Chapelle Royale.


Partecipa simultaneamente in diversi spettacoli del Théâtre du Ciel Noir diretto da Isabelle Pousseur. La versione teatrale di Pierrot Lunaire di Arnold Schoenberg è stato un film con Ensemble Musique Oblique sotto la direzione musicale di Philippe Herreweghe, e un disco per Harmonia Mundi France.


Si esibisce regolarmente con gruppi come l'Ensemble Schoenberg a L'Aia, (direzione Reinbert de Leeuw), Remix Porto, Die Reihe Vienna, e molti altri e con l'Ensemble Intercontemporain, in particolare sotto la direzione di Pierre Boulez, in un repertorio sostanzialmente orientato al XX secolo, la creazione e il teatro musicale. E stata invitata al Festival d'Automne di Parigi per interpretare Infinito Nero di Salvatore Sciarrino, è anche un attrice in Lohengrin con l'Ensemble Intercontemporain con ASKO (Amsterdam), con l'Ensemble Risognanze (Milano); Con questa ultimo si segnala particolarmente il lavoro per l'etichetta "Col Legno", pubblicato nel 2008. Questa registrazione ha vinto il Midem Classical Awards 2009 a Cannes.


La sua esperienza teatrale gli permette di essere attrice recitante in grandi opere sinfoniche come Psiche da César Franck e "Peer Gynt" di Grieg in una versione da concerto con la direzione di Kurt Masur con l'Orchestra National de France e la London Philharmonic Orchestra .


In collaborazione con Enrico Bagnoli, ha messo in scena diverse creazioni di teatro musicale sono: "Songbooks" e di John Cage "Canto delle tenebre", uno spettacolo costruito da canzoni di Hanns Eisler e Bertolt Brecht. "Babar" di Poulenc, con la direzione di Osvaldo Sallaberger. Con gli stessi collaboratori, ha prodotto anche una messa in scena di "L’Enfant et les sortilèges" di Maurice Ravel.


Per lei George Aperghis ha composto nel 2004, "Dark Side", creato ad Atene con l'Ensemble Intercontemporain. E 'stato dopo questo, decidono di lavorare insieme di nuovo su "Ismene" poesia di Yannis Ritsos, trasformato in un'opera per voce sola e ha creato in autunno 2008.Questo spettacolo è stato premiato nel 2009 dalla critica teatrale belga ed è presentato in vari festival internazionali come Musica a Strasburgo, GMEM a Marsiglia, Vie a Modena ed il Festival d’Automne a Parigi. Con lo stesso  team creerà anche "Phedre" nel 2013 e "Ajax" nel 2015.